“Le ragazze salveranno il mondo”

  • 23 lug 2020
Da Rachel Carson a Greta Thunberg: un secolo di lotta per la difesa dell’ambiente. È il tema del libro “Le ragazze salveranno il mondo” di Annalisa Corrado, che verrà presentato venerdì 24 luglio alle ore 18.30 nella sala conferenze del Museo di storia naturale della Maremma, in strada Corsini 5 a Grosseto, in un evento organizzato in collaborazione con Legambiente e la libreria Qb. La partecipazione all’evento è libera e sarà tenuta nel rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid (nell’occasione sarà possibile sottoscrivere o rinnovare la Grosseto Card, che permette di diventare socio di Fondazione Grosseto Cultura). A condurre la presentazione e il dibattito che ne seguirà, cui parteciperà l’autrice Annalisa Corrado, sarà Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente. «Non è un caso – ricordano al museo – che siano le donne a scandire, con la loro determinazione, la grande lotta del movimento ecologista e ad offrire un punto di vista diverso, che forza le gabbie concettuali in cui ci siamo mossi per troppo tempo. Sembra però che stia scorrendo sottotraccia, inarrestabile, un’energia nuova: una consapevolezza verticale, finalmente, che mette nelle mani di ciascuno la responsabilità di riprendere le redini del mondo. Il libro che presenteremo parla proprio della fiaccola che brilla nelle mani di Greta e di alcune delle donne che l’hanno tenuta accesa fino ad ora, impedendo a forze apparentemente invincibili di spegnerla. Si parte da Rachel Carson, la donna che sconfisse le multinazionali del ddt, passando per la premio Nobel Wangari Maathai, l’instancabile attivismo di Jane Fonda, fino alla mobilitazione generata da Alexandria Ocasio-Cortez e Greta Thunberg, in un’alleanza intergenerazionale tra donne che non smettono di combattere per difendere il pianeta». L’autrice, Annalisa Corrado, si definisce «ecologista: da sempre per passione, da vent’anni per professione, da qualche anno anche per attivismo politico, come co-portavoce di Green Italia e componente del comitato scientifico di Possibile».

Rassegna stampa: